Da "Il sole 24 ore"
Antonella Tarquinio

Antonella Tarquinio

Accoglienza sede Pescara
Segreteria Generale
Segreteria Amministrativa
Segreteria Area Education - Fondimpresa

Contatti
Telefono: 085 432551 - 320 3561831
Email: a.tarquinio@confindustriaabruzzoma.it 

Fondazione Sodalitas, promossa da Assolombarda e da 105 imprese italiane ha lanciato in collaborazione con Anci il Cresco Award Città Sostenibili. È una iniziativa che promuove la diffusione della sostenibilità nei Comuni italiani attraverso il coinvolgimento di imprese avanzate. Vista l'importanza del rapporto impresa- territorio, i Comuni che abbiano svolto iniziative di sostenibilità con la collaborazione delle imprese locali potranno candidare i progetti al Cresco Award Città Sostenibili.
Termina il 15 settembre.

Si comunica che gli Uffici Speciali per la Ricostruzione, di L'Aquila e dei Comuni del Cratere, hanno pubblicato in data 14 luglio 2016, il nuovo "Avviso per la formazione di un elenco di operatori economici interessati agli interventi di ricostruzione degli edifici danneggiati dal sisma del 6 aprile 2009".

Vi informiamo altresì che in data 22 luglio 2016, gli Uffici Speciali per la Ricostruzione, di L'Aquila e dei Comuni del Cratere, hanno pubblicato sui rispettivi siti istituzionali dei chiarimenti in merito al nuovo "Avviso per la formazione di un elenco di operatori economici interessati agli interventi di ricostruzione degli edifici danneggiati dal sisma del 6 aprile 2009".

Ai fini della utile consultazione si indica, di seguito, il link di collegamento ai rispettivi siti istituzionali degli Uffici Speciali:

http://www.usra.it/2016/07/14/avviso-del-14072016-laquila-fossa-nuovo-avviso-avviso-pubblico-per-la-formazione-di-un-elenco-di-operatori-economici-interessati-alla-ricostruzione/

http://www.usrc.it/amministrazione-trasparente/altri-contenuti/elenco-operatori

Informiamo i Signori Soci che la prima settimana di agosto, i nostri uffici osserveranno il seguente orario di lavoro: da lunedì al venerdì 8.30 – 13.00

La chiusura per ferie estive collettive interesserà, quest'anno, il periodo da lunedì 8 agosto a venerdì 26 agosto 2016.


L'attività lavorativa riprenderà regolarmente lunedì 29 agosto 2016 .

Si è svolta il 20 luglio u.s., presso i locali di Confindustria Chieti Pescara, in Chieti, Largo Teatro Vecchio n. 4, l'Assemblea annuale dei Soci dell'ANCE Chieti - Sezione Costruttori Edili di Confindustria Chieti Pescara.
L'Assemblea, cui hanno partecipato oltre il settanta per cento delle imprese aderenti, ha provveduto al rinnovo delle cariche sociali per il triennio 2016-2019 con la nomina del nuovo Presidente e del nuovo Consiglio Direttivo.
Alla presidenza è stato eletto il Comm. Cav. Gennaro STREVER, Presidente della "Strever S.p.A." di San Salvo, il quale succede all'Arch. Angelo de Cesare.

Martedì, 19 Luglio 2016 00:00

Approvata la Legge salva spiagge

Un emendamento al decreto Enti locali restituisce validità alle concessioni dopo la bocciatura da parte della Corte Ue. Ma per la riforma occorreranno altri 18 mesi.
È stato approvato ieri, nel tardo pomeriggio, l'emendamento al decreto Enti locali. L'emendamento stabilisce che, riguardo alle concessioni balneari, "conservano validità i rapporti già instaurati e pendenti".
Questo il testo approvato dalla commissione Bilancio della Camera:
Dopo il comma 3, aggiungere i seguenti: 3-bis. Nelle more della revisione e del riordino della materia in conformità ai principi di derivazione comunitaria per garantire certezza alle situazioni giuridiche in atto, ed assicurare l'interesse pubblico all'ordinata gestione del demanio senza soluzione di continuità, conservano validità i rapporti già instaurati e pendenti in base all'art. 1, comma 18, del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2010, n. 25. 3-ter. All'art. 1, comma 484, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, al primo periodo, sono soppresse le parole "alla data del 30 settembre 2016, entro la quale si provvede" e le parole "il rilascio,". Conseguentemente, sostituire la rubrica con la seguente: "Misure urgenti per il patrimonio, le attività culturali e turistiche".

Apprendiamo la notizia della Sentenza della Corte di Giustizia del Lussemburgo che sapevamo già essere scontata viste le conclusioni dell' Avvocato generale della Suprema Corte – dichiara Fabrizio Licordari Presidente di Assobalneari Italia Federturismo Confindustria – e non ne siamo per nulla sorpresi. Certamente il risultato non è quello che ci aspettavamo perché oggi abbiamo la dimostrazione certificata che esiste una Europa con sfaccettature diverse, che riserva trattamenti differenti ai vari Paesi che la compongono e che tutto dipende dagli interessi economici in gioco, e dal peso politico che ogni Nazione è in grado di esercitare.
Quello che sta avvenendo in Italia per le concessioni demaniali ai fini turistico ricreativi è una "Suprema Ingiustizia" - denuncia il Presidente Licordari – perché è ormai noto a tutti coloro che hanno seguito questa vicenda, che le Concessioni dello stesso tipo di quelle di cui stiamo parlando che si trovano in Spagna o in Portogallo hanno ottenuto trattamenti completamente diversi e sono state tutelate dai rispettivi Governi con norme a tutela del valore economico e occupazionale che queste rappresentano. Infatti il Governo Iberico ha prorogato fino a 75 anni le concessioni in scadenza nel 2018, permettendo anche di regolarizzare tutte le situazioni abusive, e il Portogallo, la nazione di appartenenza dell' ex Presidente della Commissione europea Barroso, nel 2007 ha introdotto il diritto di preferenza per il concessionario uscente. Per questi Stati non sono state sollevate obiezioni di sorta, non si sono aperte procedure di infrazione, anzi: la Commissaria alla Giustizia europea Viavian Reading con un comunicato Stampa del 2012 ha fornito i crismi per Ley de Costas che sarebbe stata approvata l' anno successivo, nel 2013, con le giuste motivazioni a favore della tutela di migliaia di posti di lavoro, degli investimenti effettuati, dell' importanza economica del comparto turistico balneare per l' economia spagnola.
E per l' Italia – si domanda il Presidente di Assobalneari Confindustria – chi ha preso posizioni a Bruxelles a difesa di 30.000 aziende, di 300.000 posti di lavoro, di un indotto che gravita intorno al turismo balneare che rappresenta numeri di primaria importanza costituito da imprese fornitrici tipicamente italiane, professionisti e artigiani, e produttori di attrezzature che tutti vedono sulle nostre spiagge??? Abbiamo avuto un manipolo di alcuni Parlamentari europei che hanno rappresentato le nostre istanze ma senza approdare a nulla.
In questi anni abbiamo fatto incontri con i vari Rappresentanti dei Governi che si sono succeduti, abbiamo consegnato la normativa di Spagna e Portogallo e mai abbiamo trovato una posizione forte a difesa delle imprese italiane da fare valere a Bruxelles riscontrando sempre una posizione di sudditanza dei diktat europei.
Oggi gli equilibri politici in Europa sono cambiati e sono in evoluzione (Brexit ci insegna), vedremo anche i risultati delle consultazioni elettorali del 2 Ottobre in Austria e in Ungheria che cosa determineranno - continua il Presidente Licordari – ed è per questo motivo che noi riteniamo che il nostro Governo abbia tutte le possibilità, la forza e soprattutto il dovere, di recarsi a Bruxelles per alzare il livello delle trattative con la Commissione europea che è l' organismo preposto a emanare le Direttive che poi la Corte di Giustizia è tenuta a fare rispettare, ottenendo una proroga di almeno trent' anni per le concessioni esistenti come ha fatto la Spagna. E' solo in questo modo che si potrà risolvere il problema delle concessioni balneari italiane, ma non solo: lo stesso problema lo hanno i concessionari delle Acque minerali, i concessionari dei Porti turistici, delle imprese della Nautica, dei commercianti ambulanti.

Come è possibile pensare che tutte queste attività siano cancellate da una sentenza di un' aula di tribunale? Io ero convinto che a decretare la fine di una azienda fossero le leggi di mercato e la capacità imprenditoriale – conclude il Presidente di Assobalneari Italia Licordari - Oggi invece centinaia di migliaia di posti di lavoro sono a rischio perché lo affermano giudici provenienti da chissà quale Paese con un nome anche impronunciabile.
Ci attendiamo perciò una forte azione di tipo Politico visto che quella giudiziale è naufragata miseramente, nonostante l' impegno di chi ha tentato di fare comprendere le tipicità italiane.

NOTA COMPARAZIONE NORMATIVA:
Cosa accade in Portogallo ed in Spagna:

In Portogallo nel 2007, recependo una direttiva Europea, è stato approvato il Decreto Legge denominato "Legge di Acqua" dove troviamo il diritto del concessionario uscente ad essere preferito rispetto ad altri concorrenti (è lo stesso articolo che la commissione europea ha fatto abrogare all'Italia con la procedura di infrazione del 2009); il rinnovo prevede la durata delle concessioni esistenti fino a 75 anni.
Nessuna procedura d'infrazione è stata posta in essere per il Portogallo dal 2007 ad oggi,

In Spagna nel 1988, dopo una disattenta politica di urbanizzazione delle coste, che ha provocato la costruzione sconsiderata nelle aree costiere più pregevoli del Paese, il Governo blocca ogni tipo di intervento promulgando la Ley de Costas del 1988 che va a disciplinare e tutelare l'ambiente costiero iberico, demanializzando (espropriando) tutto ciò che era stato costruito sulla costa, ma concedendo in contropartita ai proprietari, privati ed aziende, una concessione di 30 anni con scadenza nel 2018. Gli investitori stranieri, ex proprietari e oggi concessionari, fortemente preoccupati dell'imminente scadenza del 2018, attraverso una forte azione di lobby in ambito UE, ottengono prima una relazione svolta dalla deputata danese Margrete Auken, che invoca l' art 17 della Carta dei diritti fondamentali dell' Unione Europea riguardante il diritto di godere della proprietà dei propri beni, e poi il viatico da parte della Commissaria europea alla Giustizia Vivian Reding che avvalla la legge di riforma della Ley de Costas del 1988 con un comunicato stampa del 3 Agosto 2012. Viene varato così dal Regno di Spagna il nuovo provvedimento legislativo, La Ley de Costas del 2013, che prevede una proroga secca da 30 a 75 anni delle concessioni in essere in base alla loro tipologia, senza procedure di evidenza pubblica imposte invece per l'Italia praticamente nel corso dello stesso periodo temporale.
Ma non è tutto.
Facendoci aiutare da alcuni articoli del Pais, il maggior quotidiano spagnolo, apprendiamo che in Spagna l' industria turistica è la prima industria nazionale e il 29 marzo del 2009 un articolo denuncia che solo uno su cinque stabilimenti balneari della Costa del Sol è in regola, e l' autorevole giornale chiarisce che la situazione è ormai insostenibile poiché solo il 21% degli stabilimenti balneari aperti ha una concessione regolare. Perciò si pone il problema di come rendere compatibile

il rispetto della normativa e la protezione ambientale con le attività di un settore strategico per l' economia. Ed ecco allora il legislatore spagnolo che interviene sia nella direzione auspicata da Bruxelles per tutelare chi aveva fatto investimenti di tipo residenziale, ma anche per sanare tutte quelle situazioni irregolari venutesi a creare dopo la legge di riforma del 1988 che prevedeva, tra l' altro, il divieto di qualsiasi insediamento entro i 100 metri dal mare.
Infatti se approfondiamo la lettura del testo spagnolo scopriamo all' interno del Regolamento attuativo una disposizione che permette per coloro i quali, con una concessione scaduta o in via di perfezionamento hanno continuato ad esercitare l' attività, il diritto di preferenza da esercitarsi nei sei mesi successivi all' entrata in vigore della legge.
Ciò che ho circostanziato è la palese volontà del legislatore ispanico di proteggere, e valorizzare le imprese turistiche della costa che rappresentano come cita sempre "il Pais" un settore strategico per l' economia.
100 deputati socialisti del Parlamento spagnolo impugnano questa Legge presso il Tribunale Costituzionale spagnolo ma con scarso risultato perché qualche tempo dopo la sentenza della Suprema Corte avvalla la costituzionalità della nuova regolamentazione della Legge di Costa del 2013 anche in relazione alla proroga delle concessioni demaniali, ben argomentando che "la
concessione demaniale è configurata come un titolo di occupazione del demanio pubblico" e che perciò si tratta di un affidamento di un bene pubblico e non di un servizio.
Nessuna procedura d'infrazione è stata posta in essere per la Spagna dal 2013 ad oggi, e non è difficile prevedere che mai sarà aperta visto che la Ley de Costas va a tutelare gli interessi di molti investitori tedeschi, inglesi e olandesi.
E' indiscutibile che i concessionari di questi Paesi oggi hanno un palese vantaggio nei confronti di quelli italiani, per via della certezza d'impresa acquisita con una proroga consistente, che consente loro pianificazione, investimenti e miglioramento dell'offerta turistica.

Ricordiamo ai nostri associati che dal 1° giugno u.s. presso la nostra sede è stato attivato lo sportello di servizio di Credirete Italia, struttura di servizi finanziari che attraverso Italia ComFidi ed altri organismi di assistenza per il credito favorisce la attribuzione di garanzie con valore di ponderazione bancaria.
L'accesso al credito, a costi e condizioni in linea con le attese delle imprese, costituisce una esigenza avvertita in modo sempre più pressante dal mondo imprenditoriale, così come è imprescindibile instaurare un rapporto diverso tra banca e impresa.
La nostra Associazione, sempre in prima linea per ottemperare a queste esigenze, ha stipulato convenzioni dirette con primari istituti di credito (da ultimo Carichieti e Banca Montepaschi Siena, mentre altre iniziative con istituti quali BPER, Caripe/Tercas, BNL, BCC sono in fase di discussione, così come con altri istituti operanti sulla piazza).
L'assistenza agli associati prevede inoltre la disponibilità, attraverso accordi di partenariato, di servizi di factoring e cessioni di credito, leasing, ricerca di fonti di finanziamento alternative a quello bancario, supporto per l'accesso a fondi europei, nazionali e regionali, e quant'altro possa essere di sostegno per la finanza d'impresa.
Restiamo a disposizione delle nostre associate per l'analisi di ogni loro specifica problematica legata al credito, anche prima dell'avvio di operazioni con qualsivoglia istituto o società finanziaria.
Per informazioni o per fissare appuntamenti anche presso la vostra azienda:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 328 6119493


"Il Piano regionale delle attività estrattive: strumento di programmazione territoriale": è questo il titolo del convegno organizzato da Abruzzo Sviluppo venerdì 24 giugno, a partire dalle ore 9.30, presso la Sala Consiliare del Municipio di Pescara. Alla presenza, tra gli altri, dell'ing. Franco Terlizzese, Direttore della Direzione generale delle Risorse Minerarie ed Energetiche del Ministero dello Sviluppo Economico e del Presidente della Giunta regionale d'Abruzzo Luciano D'Alfonso, il dibattito sul PRAE sarà aperto a tutta la cittadinanza e agli Ordini professionali interessati dal nuovo disciplinare (avvocati, ingegneri, geologi, agronomi, architetti).

La macchina organizzativa per Abruzzo Open Day e' in piena attivita' e a breve ci sara' la prima presentazione: lunedi' 13 giugno il presidente Luciano D'Alfonso illustrera' le caratteristiche dell'evento e dal 14 fino al 21 la struttura competente si rechera' su tutti i centri principali del territorio per una serie di incontri mirati a spiegare i dettagli dell'iniziativa e coinvolgere strutture e operatori turistici, enti locali, pro loco, associazioni e imprenditori.

L'Associazione Italiana Confindustria Alberghi sta organizzando a Roma, per il prossimo 16 giugno, l'evento "HOTEL 2020: Modelli di business e contratti di gestione", una giornata sui modelli contrattuali utilizzati dalle Catene Alberghiere.

L'evento si terrà presso Confindustria (viale dell'Astronomia, 30) e sarà strutturato in due momenti:
-formazione, in cui saranno presentati gli scenari di sviluppo delle catene alberghiere in Italia e analizzati i contratti utilizzati a riguardo ( lease, management contract, franchising, ecc.). La parte di analisi dei contratti sarà affidata a diversi studi legali, ognuno dei quali tratterà le specifiche di ciascuno.
- incontri b2b tra catene alberghiere e proprietari/albergatori indipendenti, un importante momento di confronto per poter incontrare dei partner per la propria attività.

In allegato la scheda di partecipazione ed il programma definitivo dell'evento.

Pagina 42 di 57

Seguici attraverso i nostri canali social

   Icon TwitterBlu    Icon InstagramBlu    Icon TwitterBlu   Icon YouTubeBlu   Icon LinkedinBlu   Icon RSSBlu

logotipo

CONFINDUSTRIA ABRUZZO MEDIO ADRIATICO DELLE PROVINCE DI CHIETI PESCARA E TERAMO

SEDE LEGALE E PRINCIPALE
65128 Pescara (PE)
Via Raiale, 110/bis
Tel: 085 432551
email: info@confindustriaabruzzoma.it
PEC: confindustriaabruzzoma@pec.it

SEDE OPERATIVA
64100 Frazione Sant'Atto - Teramo
Zona Industriale Servizi, Via Isidoro e Lepido Facii, snc
Tel: 0861 232417

Codice Fiscale: 80000150690


 

Disclaimer
Privacy
Uso dei cookies

Website Security Test

 

Entra nel tuo account